Otoliti e vertigini: La leggenda del “sassolino” vagabondo [con sondaggio]

La cupololitiasi (vertigine da distacco di otoliti) non esiste. Tutte le vertigini ricorrenti, incluse quelle da vertigine posizionale parossistica benigna (VPPB), derivano dall'idrope. Nonostante la teoria della cupololitiasi, ideata da Schucknecht (uno di quelli che contavano all'epoca) negli anni'60, che attribuiva le vertigini posizionali al distacco di concrezioni minerali della macula dell'utricolo o del sacculo …

Tutte le vertigini oggettive ricorrenti o soggettive sono da idrope. E qui vi spiego perché…

Tutte le vertigini ricorrenti o persistenti, soggettive od oggettive, accompagnate o meno da fenomeni neurovegetativi, nausea, vomito ecc,  esordite recentemente o da molti anni, a qualunque età e per qualunque motivo apparente, SONO SEMPRE DOVUTE ALL' IDROPE E SONO SEMPRE CURABILI. Non posso parlare di guarigione perché possono esserci occasionali recidive, ma il miglioramento con …

Come funziona il labirinto “vestibolare”?

L'area del labirinto (orecchio interno) responsabile delle vertigini e del disequilibrio è il labirinto posteriore costituito da cinque recettori per lato: le creste ampollari dei tre canali semicircolari, sensibili ai movimenti rotatori e le macule dell' utriculo e del sacculo, sensibili ai movimenti lineari e alla posizione della testa. Nei canali semicrcolari la rotazione determina …

Acufeni, vertigini, ipoacusia, Meniere: la cura… volendo… c’è!

Acufeni (rumore nell'orecchio), ipoacusia (sordità) neurosensoriale, vertigini ricorrenti, disequilibrio soggettivo, senso di pressione auricolare o di orecchio chiuso (fullness). Tutti questi disturbi così frequenti possono essere causati da una disfunzione reversibile e curabile, derivante dall'aumento dei liquidi labirintici (IDROPE) che esercitano una eccessiva pressione o stimolo su cellule ciliate e/o recettori vestibolari nell'orecchio interno, e …