L’esame audiometrico: limiti ed errori (non sempre in buona fede)

Al paziente, situato in una cabina silente viene chiesto di rispondere, alzando la mano o premendo un pulsante, di rispondere quando percepisce un suono inviato dall'audiometrista attraverso l'audiometro che i trova all'esterno. I toni vengono inviati sia attraverso la cuffia che attraverso un vibratore posto dietro l'orecchio. Dalle risposte si ricava un grafico che incrocia …