Nuovo protocollo di terapia a stadi aprile 2019 e novità introdotte nel 2019

Nota per i miei pazienti: l'area riservata a voi dedicata è stata già interamente aggiornata con tutte le novità. E' disponibile dal 19 aprile 2019 il nuovo protocollo di terapia a stadi che modifica in modo sostanziale l'approccio precedente. Le principali novità sono rappresentate dal protrarsi solo al bisogno della terapia con neurofarmaci che in …

Trattamento sintomatico dell’acufene (TST) quale possibile proposta complementare alla terapia per idrope

In quest'articolo scritto dal Dott. Federico Rustici, ideatore del trattamento T.S.T (Tinnitus Symptomatic Treatment) e successivamente revisionato e integrato dal Dott. Andrea La Torre come medico specialista esperto di cura dell'acufene mediante terapia contro l'idrope, vengono spiegate le basi di questo trattamento complementare o eventualmente a scelta del paziente, alternativo, alla cura per l'idrope che …

L’impossibile lo stiamo già facendo. Per i miracoli ci stiamo attrezzando.

Titolo ironico per sottolineare gli enormi progressi fatti  (da me, visto che pare che gli altri non ne facciano) nella cura di disturbi impossibili da trattare adeguatamente (secondo gli altri) quali acufeni, vertigini, disequilibrio, ipoacusia neurosensoriale dove oggi riesco ad aiutare a stare bene o comunque decisamente meglio tutti i pazienti con vertigini e disequilibrio, …

Come si avvia la terapia per idrope? Indicazioni generali per le diverse varianti di avvio

Tentando di restare più sintetico possibile (cosa non semplice viste le numerose varianti della terapia) in quest'articolo proverò a spiegare quali sono i criteri generali con i quali suggerisco diverse modalità di avvio a pazienti diversi. In parte riguardano i loro sintomi e le caratteristiche del disturbo, ma vengono tenuti in conto anche altri parametri …

Esito del progetto di valutazione dell’efficacia del P100 per idrope

Nel mese di ottobre 2018 è stato avviato uno studio per valutare la possibile efficacia come coadiuvante di altre terapie, di un semplice dispositivo manuale a basso costo, il P100, capace di inviare all'orecchio delle micro-pulsazioni allo scopo di facilitare attraverso la trasmissione indiretta all'orecchio interno, il deflusso dei liquidi labirintici. Presi contatti con l'azienda …

Cosa mantiene i benefici della cura anche dopo che si sospende la terapia?

Come funziona la mia terapia quando si smette di farla? Cosa mantiene i benefici della cura anche dopo che si sospende la terapia? E al contrario perché molti pazienti possono avere a distanza di tempo recidive? Per capire questo discorso bisogno far riferimento a questa immagine. Guardate la parte a destra e vedrete che alcune …

Sintesi e giudizio schematico delle terapie per acufeni. Quelle degli altri.

Nota: di questo post ho preparato un versione aggiornata e più completa che affronta le terapie in generale e non solo per acufeni pubblicata il 23 febbraio 2018. Vedere QUI Senza scendere nei dettagli in questa sede vi elenco con un breve o brevissimo commento per ciascuna le terapie che possono essere proposte per acufeni …

Come si fa la diagnosi dei disturbi dell’orecchio senza ricorrere agli esami e cosa possiamo sapere già dai sintomi? (e cosa non possiamo sapere comunque?)

Sebbene tradizionalmente per la diagnosi dei disturbi da orecchio (quando gli specialisti arrivano poi a capire che è sempre l'orecchio) si tenda a ricorrere ad esami, la verità è che nella maggior parte die casi questi non sono necessari e questo è il motivo per cui io ormai da anni posso benissimo seguire i pazienti …

L’Otovent e il suo ruolo nel trattamento dell’idrope

  L’orecchio interno è interamente collocato in una struttura rigida ossea (labirinto osseo) con due sole aperture verso l’orecchio medio, la finestra ovale, occupata dalla staffa, il più piccolo degli ossicini, e la finestra rotonda protetta da una piccola membrana. L’orecchio medio è quella cavità che, separata direttamente dall’esterno mediante la membrana del timpano, viene …

Tre autocritiche (costruttive) al ruolo esclusivo dell’idrope per acufeni fluttuanti che nessuno mi ha mai fatto…

Se i medici manco  leggono il mio sito  e si disinteressano completamente all'argomento e i pazienti non hanno conoscenze sufficienti per farle loro le critiche ovvio che sono costretto a farmele da solo. Ci ho pensato molto, negli anni, perché sono anni che mi pongo alcuni dubbi, ma finora ho ritenuto che potesse essere "pericoloso" fare …

L’effetto “nocebo”: la vera ragione di alcuni “presunti” effetti collaterali

La serenità e la fiducia con la quale il paziente assume un determinato farmaco, o al contrario la sua preoccupazione o sfiducia nei confronti del farmaco prescritto o il significato che il paziente spesso per errata informazione  dà al farmaco stesso, sono fattori favorenti la comparsa di "effetti non quantificabili" a dosi che non potrebbero …

Esistono alternative “serie” alla terapia dell’idrope per curare gli acufeni?

(Non alla MIA cura dell'idrope, ma alla cura dell'idrope in generale, anche se al momento non ne conosco altre che funzionino altrettanto) SI.. e NO allo stesso tempo. E ora vi spiego perché. NO, se parliamo di una vera cura che non si limiti a spegnere il fastidio a livello cerebrale o cure palliative per …

Con quali criteri viene personalizzata la terapia di avvio anti-idrope?

Ormai da molto tempo io non faccio più una sola terapia anti-idrope ma uso in modo diverso le varie componenti della terapia fermo restando che queste varie componenti hanno punti di attacco differenti e che non esiste nessun modo obiettivo se non l'esperienza (che comunque può non essere sufficiente) per stabilire come si dovrebbe avviare …

Cure per la cervicale da fisioterapista o osteopata o chiropratico: non danno alcun beneficio! (con sondaggio)

In un sondaggio i pazienti hanno espresso il desiderio che io riprenda non solo a proporre terapia e a curare come posso ma anche a smascherare truffe e terapie inutili ovvero a difendere i pazienti.  In altri sondaggi ho chiesto quali siano le terapie "inutili" più proposte o più diffuse o più "sperimentate" dai pazienti …

Potassio e Magnesio aiutano a superare la stanchezza da dieta e neurofarmaci

Recentemente ho iniziato a prescrivere a tutti i pazienti che fanno terapia l'impiego di POLASE (non faccio pubblicità, e non mi paga nessuno per spingerlo :-)) ma conosco solo quello e lo uso pure io personalmente quindi indico quello, ma qualunque cosa analoga va bene) durante i periodi di dieta ed eventualmente anche fuori da …

La dieta troppo corta riduce i risultati. Serve qualche sacrificio in più.

Valutando retrospettivamente l'andamento della terapia nella fase di approccio emerge che per fare effetto davvero la dieta deve essere prolungata oltre i cinque giorni perché per molti pazienti cinque giorni soli almeno nella fase di avvio danno risultati insufficienti o che comunque "tengono meno". Sto quindi cambiando il protocollo di approccio iniziale il che renderà scontenti …

Cosa si propone nelle riviste scientifiche come terapia dell’idrope e della Meniere?

Facciamo subito una premessa... Come terapia dell'idrope.. non si propone proprio nulla.. Tutti tengono in conto solo la malattia di Meniere e considerato che  una forma classica è presente solo in numero minuscolo di casi con idrope che si gioverebbero di una terapia per l'idrope e anche che alla fine per la malattia di Meniere …

Chi ha paura delle fleboclisi di mannitolo? Chi le ha già fatte no di sicuro…. e ve lo racconta qui…

Mentre i diuretici per via orale, che agiscono sul rene sono assolutamente controindicati nel trattamento dell'idrope perchè generano una risposta da parte dell'ADH, i diuretici osmotici come il mannitolo soprattutto se associati a carico idrico, agiscono rendendo disponibile l’acqua extracellulare e inibendo così l’ADH. Le fleboclisi di mannitolo, se prescritte, devono essere eseguite una al giorno …

Che risultati aspettarsi dalla cura anti-idrope per acufeni e/o ipoacusia?

Quel che espongo qui è parte fondamentale delle spiegazioni che do ad ogni paziente in occasione della consulenza, ma penso sia utile anche pubblicarlo qui. Premessa fondamentale: Non esiste alcun criterio per poter etichettare come spacciato l'orecchio qualunque sia il tempo trascorso... I danni permanenti, e se ci dono danni nell'orecchio sono inevitabilmente tali, NON …

Quanto aspettare per curare un acufene? Ci sono cure sintomatiche immediate?

Non esistono terapiette blande per l'acufene e certamente non lo sono la marea di inutili integratori spacciati come cure per l'acufene ed etichettati solo allo scopo di truffare la gente con nomi accattivanti quali, ACUVAL, ACUFEN, TINNIT, OTOFISK o altri simili... L'acufene deriva sempre o da danni permanenti , ipotesi molto più rara di quanto …

Effetti collaterali delle terapie (in generale) per acufeni e vertigini.

Ricollegandomi a un post precedente nel quale metto in guardia contro i vari forum gestiti in teoria o in pratica da pazienti, ritengo sia importante anche sfatare un mito che circola in giro circa la pericolosità di terapie sbagliate. E qui non mi riferisco alla mia terapia, ma voglio spezzare, da esperto competente del settore, …

Ipoacusia neurosensoriale? Non solo protesi!

Ogni ipoacusia neurosensoriale (o percettiva), anche se stazionaria e non variabile o fluttuante può sempre in teoria essere dovuta a idrope ovvero a una disfunzione creata da eccesso di liquidi a carico di cellule ciliate sane. Qualunque diagnosi di danno permanente deriva solo da luogo comune ed è priva di qualunque fondamento non essendo dimostrabile. …

Lo scandalo del Tolvaptan

Il "farmaco miracoloso" anti-ADH (e quindi anti-idrope) la cui evoluzione ho personalmente seguito per anni anni (tolvaptan, antagonista recettoriale dell' ormone antidiuretico) è già da qualche tempo disponibile con il nome commerciale di SAMSCA (Otsuka Pharmaceutical). Ma aspettate prima di sorridere... Nonostante siano state effettuate numerose ricerche specifiche che ne confermano l'utilità nella prevenzione e …

Quando è “vera” vertigine? Cosa sono le vertigini?

In pieno accordo con il sig. Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, che in una sua bella canzone canta "...La vertigine non è... paura di cadere...", la vertigine è tutt'altra cosa rispetto alla spiacevole sensazione che alcuni provano guardando dall'alto in basso popolarmente definita "soffrire di vertigini". Quella si chiama "acrofobia" ed è un disturbo di …

Vertigini ricorrenti e disequilibrio soggettivo? E’ sempre idrope!

Tutte le sindromi vertiginose ricorrenti o croniche, incluse quelle attribuite tradizionalmente ad altre cause, o quelle di tipo soggettivo con disequilibrio più o meno costante, che generalmente restano senza alcuna diagnosi e senza reali terapie, derivano sempre da alterazioni a livello del labirinto (orecchio interno) e sempre dall'azione idromeccanica di liquidi labirintici (idrope), e non …

I vantaggi della consulenza a distanza con Skype

Skype (www.skype.it) è una applicazione gratuita che permette di effettuare, in modo assolutamente gratuito, collegamenti illimitati in videoconferenza di altissima qualità attraverso internet. Ho iniziato a proporre consulenze su Skype in videoconferenza già da Luglio 2009, in alternativa alla tradizionale consulenza in un ambulatorio in numerose città italiane, che comunque già da due anni non …

Sintomi fluttuanti e variabili? Idrope! Sempre curabili!

Tutti i disturbi fluttuanti e ricorrenti sono sempre causati dall'idrope e mai da danni permanenti, che non potrebbero giustificarne le variazioni... Poiché nell'orecchio interno ci sono solo cellule ciliate o recettori vestibolari, fibre nervose (del nervo acustico o del nervo vestibolare) e liquidi (endolinfa e perilinfa) , e poiché cellule e nervi non hanno capacità …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: